Sfogliato da
Autore: Marc Welder

Harlan Ellison, ovvero: La bestia che gridava amore al cuore del mondo

Harlan Ellison, ovvero: La bestia che gridava amore al cuore del mondo

«Robert Silverberg disse di me “Harlan Ellison non è coraggioso, è semplicemente impavido”. Il ché è assolutamente vero. Non puoi permetterti di essere spaventato; no, se vuoi che la scrittura abbia calore, ragione e passione»Harlan Ellison Nato in Ohio il 27 maggio del 1934 (morto il 28 giugno 2018), imparò a leggere già a tre anni, a dieci era stato già stato influenzato dai grandi classici come Twain, Conrad, Dickens, Hemingway, Dumas, e proseguì la sua formazione con Lester Del…

Leggi tutto Leggi tutto

Necroville di Ian McDonald

Necroville di Ian McDonald

“È il due novembre 2065: Il Giorno dei Morti. A Necroville i morti stanno organizzando una festa… e tutti sono invitati. Perché nel ventunesimo secolo la nanotecnologia ha rivoluzionato le leggi della nascita, della morte e dell’entropia. I morti risorti costituiscono circa un terzo della popolazione mondiale, e sono la spina dorsale della sua forza-lavoro. Hanno la loro cultura, i loro costumi… e í loro ghetti, la Necroville. E stanotte è la loro notte. A Necroville giungono cinque giovani per…

Leggi tutto Leggi tutto

Recensione di Demonic di Neil Blomkamp

Recensione di Demonic di Neil Blomkamp

Scrivere una recensione di Demonic di Neil Blomkamp non è un’impresa facile. Non tanto per la sua complessità, quanto per il dubbio se possa o meno essere considerato il suo nuovo film dato che, a quanto pare, sembra sia stato girato praticamente di nascosto. Demonic, di per sè, non è nie nte di trascendentale, un fanta-horror con un’idea anche carina, ma una trama che poteva essere sviluppata molto meglio. Gli esperimenti sulla tecnica del motion-capture sono molto interessanti, così come…

Leggi tutto Leggi tutto

Matrix Resurrections – Recensione senza spoiler

Matrix Resurrections – Recensione senza spoiler

Scrivere per Matrix Resurrections una recensione senza spoiler non è facile, perché molto ci sarebbe di cui discutere… Confesso di essere partito molto diffidente nei confronti di questo quarto capitolo diretto dalla sola Lana, quasi terrorizzato a causa dei recenti traumi causati da evidenti forzature su film che non avrebbero mai dovuto avere reboot o ulteriori seguiti. In questa riconfigurazione del franchising, però, molto è cambiato: personaggi, tecnologie, fazioni, ruoli. Ci sono idee buone e meno buone, idee ottime e idee pessime, ma…

Leggi tutto Leggi tutto

Einstein Perduto… Una Favolosa Tenebra Informe, di Samuel R. Delany

Einstein Perduto… Una Favolosa Tenebra Informe, di Samuel R. Delany

Vincitore del Nebula Award come miglior romanzo nel 1967 e nominato per l’Hugo Award nel 1968, il romanzo di Samuel R. Delany è noto ai più come Einstein Perduto, ma l’edizione Solaria ha scelto di restituirgli quel titolo (Una Favolosa Tenebra Informe) che l’autore fu costretto a cambiare sotto pressione dell’editore. Credo ci sia ben poco da poter aggiungere all’introduzione di Neil Gaiman all’edizione Fanucci (Collezione Immaginario. Solaria n. 11, Fanucci, 2004, ISBN 88-347-0927-6), ma proverò comunque. A differenza di…

Leggi tutto Leggi tutto

Babel 17 di Samuel R. Delany: i molti piani del linguaggio

Babel 17 di Samuel R. Delany: i molti piani del linguaggio

Scritto dall’allora appena ventiquattrenne Samuel R. Delany, Babel 17 è un romanzo sui molti livelli ed aspetti del linguaggio. Un romanzo che non solo vinse il Premio Nebula nel 1967 (ex aequo con Fiori per Algernon di Daniel Keyes), ma che venne anche nominato lo stesso anno per il Premio Hugo come miglior romanzo, vinto poi da Heinlein con La Luna è una severa maestra. Strutturato come un poliziesco, sotto forma di un’indagine che cerca di risalire ai mandanti dei sabotaggi…

Leggi tutto Leggi tutto

DUNE (2021): un confronto è impossibile

DUNE (2021): un confronto è impossibile

Per Dune (2021) due saranno i principali motivi di discussione: il confronto con la precedente versione di Lynch e il confronto con il romanzo di Herbert; ma diciamolo subito e togliamoci il dente, un confronto è impossibile, quindi non perdete tempo in sterili diatribe. Tanto per cominciare la versione di Lynch venne ridotta di troppa quantità di girato per poter essere ritenuta completa, tant’è che nella sua durata di poco più di due ore è “palesemente” mutilata, ragion per cui…

Leggi tutto Leggi tutto

IT 2017, quando perseverare è diabolico

IT 2017, quando perseverare è diabolico

Che cosa dire di It: Capitolo Uno o se volete IT 2017? Le aspettative erano tante, lo sappiamo, soprattutto da parte dei lettori già delusi nel 1990. Eppure, dire che molte di queste sono state deluse anche adesso non è cosa poi così azzardata. Ma andiamo per ordine. Di per se stesso, il film è godibile, come tanti altri horror standard in circolazione. Discreta tensione, colpi a effetto quando ci devono essere, anche, ma a conti fatti è un film…

Leggi tutto Leggi tutto